ASCOLTA

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Le voci delle femministe si manifestano, impetuose, come fiume in piena. Rivelano le storture di una società patriarcale, ancorata a modelli maschilisti e limitanti. Il vero, mediante esse, si propaga come intenso profumo destando molti dal torpore dell’ignoranza. Esse, infatti, tentano di offrire una visione nuova ed equa, debellando quella stantia e obsoleta che, per secoli, ha ingabbiato donne e uomini in una morsa di dolore.

Mi sono posta un quesito in questi giorni, però: se esse raccontano verità e cercano soltanto di creare una società che dia ausilio a tutti, perché, spesso vengono silenziate o, nel peggiore dei casi, svilite?

Ritengo che ci sia mancanza di ascolto puro, partecipe e privo di moralismi. Si è soliti, infatti, udire solo quel che risulta consueto, ciò che non ci toglie i privilegi acquisiti senza merito, ciò che ci è stato insegnato sin da bambini. La gran parte dei pensieri che produciamo, infatti, è indotta dalla società: tutto ciò che conosciamo come nostro retaggio culturale è, in realtà, originato da quello che, per anni, abbiamo percepito, visto e sentito da altri.

Siamo come fiore che, per sopravvivere, attecchisce in un terreno fertile: non sempre esso è adatto ma, nonostante tutto, tentiamo di farci casa in un luogo che non è nostro. Poi, per fortuna, accade che qualcuno ci dia acqua rigenerante e terra nuova: in quel momento diventiamo rigogliosi e colorati.

Se desideriamo, dunque, farci primavera e creare uno spazio adatto a tutti, è necessario ascoltare. Bisogna dare voce, parola e spazio ai soggetti oppressi e capire quel che comunicano. Inizialmente, abituati come siamo al pensiero comune e presi, forse, da noi stessi, faticheremo a comprendere: se ciò accade, è necessario scacciare l’ombra di giudizio che si è creata nella mente e avviare un processo empatico. Credo sia di fondamentale importanza mettersi nei panni altrui: è un metodo che possiamo adoperare per capire meglio la situazione che una persona vive.

Occorre, inoltre, attribuire pieno valore ai sentimenti altrui: non dobbiamo mai concepirli come mero lamento, esagerata richiesta o sciocca emozione. Chi fa parte di un gruppo oppresso deve essere rispettato senza che, pensiero e cuore, vengano sviliti.

Non esistono problemi di poco conto. Le persone oppresse – coloro che vivono in una società che le emargina senza reticenza alcuna – hanno il diritto di essere aiutati senza giudizi costanti.

Si crede che le rivoluzioni siano fatte di soli gesti. Io sostengo che, invece, le parole siano vessillo di piena libertà: se ascoltiamo chi pronuncia frasi scomode, se capiamo i sentimenti altrui, se ci allontaniamo dalla volontà di puntare il dito, stiamo già creando un seme di speranza. E quest’ultimo – e posso affermarlo con certezza – sarà utile a tutti.

Scritto da Lorenza De Marco
Su https://www.instagram.com/leultimeletteredi/ mi occupo di letteratura e femminismo! Vieni a trovarmi!

violedimarzo

violedimarzo

Una risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultimi Post

Lettere d’amore

Racconti, Rubriche

Doctor Who e la rigenerazione in donna: ecco perché era DANNATAMENTE ora 

Attualità, Cinema, Femminismo

Billie Holiday: il blues e la lotta contro il razzismo

Arte, Storia

LA SINDROME DI YENTL: CHE GENERE DI MEDICINA?

Cinema, Femminismo, Salute

Cookie & Privacy

Noi e terze parti selezionate utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e, con il tuo consenso, anche per altre finalità come specificato nella Privacy Policy
Puoi acconsentire all’utilizzo di tali tecnologie utilizzando il pulsante “Accetta”. Chiudendo questa informativa, continui senza accettare.