Michelle Obama: quando la politica è (quasi) una storia d’amore

Michelle Obama è un avvocata e scrittrice ed è stata la first lady degli Stati Uniti dal 2009 al 2017. È la moglie del 44esimo presidente degli Stati Uniti, Barack Obama. Come first lady, Michelle ha concentrato la sua attenzione su questioni sociali come la povertà, la vita sana e l’istruzione. Il suo libro, Becoming, racconta le esperienze che l’hanno formata, dalla sua infanzia a Chicago agli anni trascorsi alla Casa Bianca.

Primi anni

Michelle è nata Michelle LaVaughn Robinson il 17 gennaio 1964 a Chicago, nell’Illinois. Il padre di Michelle, Fraser Robinson, era un operatore di pompe cittadine e un capitano di distretto democratico. Sua madre, Marian, era segretaria da Spiegel, ma in seguito rimase a casa per crescere Michelle e suo fratello maggiore, Craig. A soli 21 mesi di distanza, Craig e Michelle venivano spesso scambiati per gemelli. La famiglia Robinson viveva in un piccolo bungalow nel South Side di Chicago. Michelle e Craig condividevano gli alloggi, dormendo in soggiorno con un lenzuolo che fungeva da divisorio improvvisato.

Sia Michelle che suo fratello hanno imparato a leggere a casa all’età di quattro anni ed hanno per questo saltato la seconda elementare. In prima media Michelle ha imparato il francese e completato corsi accelerati di biologia. Ha frequentato la Whitney M. Young Magnet High School, la prima scuola superiore della città per bambini dotati, dove, tra le altre attività, ha lavorato come tesoriere del governo studentesco. Nel 1981, si è diplomata come salutatoria di classe. Frequenta successivamente collegio e Facoltà di Giurisprudenza e, seguendo le orme del fratello maggiore, la Princeton University, laureandosi con lode nel 1985 con un B.A. in Sociologia. Ha continuato a studiare legge alla Harvard Law School, dove ha preso parte a manifestazioni che chiedevano l’iscrizione e l’assunzione di più studenti e professori di minoranza.

L’incontro con Barack

Michelle e Barack si sono sposati alla Trinity United Church of Christ il 3 ottobre 1992. Si sono conosciuti nel 1989, al primo lavoro di Michelle come avvocata presso lo studio Sidley Austin di Chicago. Il suo futuro marito, Barack, era uno stagista estivo a cui Michelle fu assegnata come consulente. Inizialmente, Michelle rifiuta di uscire con Barack, credendo che il loro rapporto di lavoro avrebbe reso la storia d’amore poco opportuna. Alla fine ha ceduto e la coppia si è presto innamorata. Dopo due anni di frequentazione, Barack le fa una proposta di matrimonio.

Barack e Michelle hanno avuto due figlie: Malia, nata nel 1998, e Sasha, nata nel 2001. Sia Michelle che Barack hanno dichiarato che la loro priorità sono proprio le due bambine. Dopo che Barack è eletto presidente nel 2008, i due si rendono conto che il trasferimento da Chicago a Washington DC sarebbe stato un importante cambiamento per qualsiasi famiglia. Risiedere alla Casa Bianca, avere la protezione dei servizi segreti ed essere sempre al passo con gli obblighi pubblici ha trasformato drasticamente le loro vite. Gli Obama hanno cercato di rendere il mondo delle loro figlie il più “normale” possibile, con orari prestabiliti per studiare, andare a letto e alzarsi.

Carriera

Dopo la laurea in giurisprudenza nel 1988, Michelle ha lavorato come associata nella filiale di Chicago dello studio Sidley Austin nell’area marketing e proprietà intellettuale. Nel 1991, ha lasciato il diritto societario per intraprendere una carriera nel servizio pubblico, lavorando come assistente del sindaco Richard Daley e poi come assistente commissario per la pianificazione e lo sviluppo per la città di Chicago. Nel 1993, Michelle è diventata direttrice esecutiva per l’ufficio di Chicago di Public Allies, un programma di formazione alla leadership senza scopo di lucro che ha aiutato i giovani adulti a sviluppare competenze per future carriere nel settore pubblico. A partire dal 2002, ha lavorato per gli ospedali dell’Università di Chicago, come direttore esecutivo delle relazioni con la comunità e degli affari esterni. Nel maggio 2005, Michelle è stata nominata vicepresidente per la comunità e gli affari esterni presso l’Università di Chicago Medical Center, dove ha continuato a lavorare part-time fino a poco prima dell’insediamento del marito come presidente. È stata anche membro del consiglio di amministrazione del prestigioso Chicago Council on Global Affairs.

Campagna elettorale

Michelle ha attirato per la prima volta l’attenzione del pubblico nazionale mentre era al fianco di suo marito quando ha pronunciato un discorso alla Convention nazionale democratica nel 2004. Dopo l’elezione di Barack a senatore degli Stati Uniti in Illinois, nel 2007, Michelle ha ridimensionato il proprio lavoro professionale per occuparsi degli obblighi familiari e della campagna elettorale durante la corsa di Barack per la nomina presidenziale democratica. Barack verrà eletto 44esimo presidente degli Stati Uniti.

First Lady

Alcuni, infatuati dalle sue impeccabili scelte di moda, l’hanno paragonata a Jacqueline Kennedy, mentre altri, notando la sua profonda intelligenza, a Eleanor Roosevelt. Ma nessuna delle due descrizioni sembrava del tutto corretta. E Michelle fin da subito ha dimostrato che la sua era una politica a sé stante.

Quando il marito corre per la rielezione nel 2012, affrontando una gara impegnativa contro il candidato presidenziale repubblicano Mitt Romney, Michelle si occupa personalmente della campagna elettorale. Viaggia per il paese tra discorsi e apparizioni pubbliche. Il 6 novembre 2012, Barack è stato rieletto per un secondo mandato come presidente degli Stati Uniti. Dopo che Mitt Romney ha ammesso la sconfitta, Michelle accompagna suo marito con le loro due figlie, Malia e Sasha, sul palco del McCormick Place di Chicago, dove il neo eletto presidente Obama ha pronuncia il suo discorso di vittoria.

Obiettivi politici

Come first lady degli Stati Uniti, Michelle ha concentrato la sua attenzione su questioni come il sostegno alle famiglie dei militari, l’aiuto alle donne che lavorano e hanno difficoltà a conciliare carriera e famiglia. Durante il primo anno della presidenza Obama, Michelle e Barack si sono offerti volontari in rifugi per senzatetto e mense per i poveri nell’area di Washington DC. Michelle ha anche fatto apparizioni nelle scuole pubbliche, sottolineando l’importanza dell’istruzione e del volontariato. Sempre consapevole della dieta e della salute della sua famiglia, Michelle ha sostenuto il movimento degli alimenti biologici, istruendo le cucine della Casa Bianca a preparare alimenti biologici per gli ospiti e la sua famiglia. Nel marzo 2009 ha lavorato con 23 alunni di quinta elementare di una scuola locale a Washington D.C. per piantare un orto di 1.100 metri quadrati di verdure fresche e installare alveari sul prato sud della Casa Bianca. Si è anche impegnata per combattere l’obesità infantile.

Becoming

Michelle dunque non è mai stata solo la moglie di un senatore ma una donna in carriera acuta, intelligente, madre amorevole e idolo per milioni di donne americane. Possiamo anche affermare che è anche grazie al suo prezioso contributo e sostegno che il marito, Barack Obama, è stato eletto presidente per ben due volte.

“Per molte donne, me inclusa, moglie è una parola insidiosa. Porta il peso della storia. Volevo avere una vita professionale e una vita domestica, ma con la promessa che l’una non avrebbe mai schiacciato l’altra. Speravo di essere esattamente come mia madre e, allo stesso tempo, di non assomigliarle affatto. Era una sensazione strana e sconcertante su cui riflettere. Potevo avere tutto? L’avrei avuto? Non ne avevo idea”.

Michelle Obama

Fonti: Becoming, la mia storia di Michelle Obama, edito Garzanti

Minardo Graziana

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...