Il potere dell’ascolto gentile

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

“Ogni strada è uguale all’altra, sono fatte tutte di cemento e mattoni. Sei tu che ci cammini che puoi fare la differenza.”

Nonna Ada

La tatuatrice gentile è un libro sottile, ma pieno di luce.
Racconta la storia di Lara, tatuatrice milanese con il dono di saper ascoltare le persone che arrivano da lei per tatuarsi, e restituire ciò che percepisce sotto forma di tatuaggi delicati e potentissimi.

Tra le pagine del libro possiamo intravedere, come attraverso una tenda che si muove nel vento in un pomeriggio d’estate, le vite di Chiara, Valentina, Luca e Francesca e quella della stessa Lara. Vite che si intrecciano, circondate da un fascio di luce luminosa che è la figura di Nonna Ada.

Si intrecciano perché è così la vita: non siamo mai i soli a vivere una determinata esperienza, cambia solo il modo in cui la rielaboriamo e ciò che decidiamo di portarci via. Perché poi tanto va avanti lo stesso, che ci piaccia o meno quello che ci accade, quindi visto che siamo in pista tanto vale ballare. Scoordinati, non sempre a ritmo, quello che conta è scegliere sempre di essere la versione più autentica di noi stesse.
Ed è quello che fa Lara, con coraggio e con gli occhi ed il cuore aperti.
Non voglio anticiparvi nulla della trama, perché rischierei di rovinarvi il viaggio, ma quello che posso dire è che la tatuatrice gentile celebra la vita in tutta la sua meravigliosa imperfezione.
Parliamo di un inno all’ascolto, quello che parte dal cuore e non dalle orecchie, e che ci aiuta a entrare in sintonia con l’altro, fino a capire che in fondo non siamo dei singoli individui che si muovono in modo confuso e solitario nel mondo, ma siamo una rete di persone, tutte interconnesse perché siamo tutti qui per vivere il tempo che ci è stato donato nel miglior modo possibile.
E per miglior modo non intendo sforzandoci di entrare in canoni e schemi che ci stanno stretti, o rimanere nel personaggio che il contesto in cui siamo cresciute ci ha affibbiato.
No.
Se quella maschera ci soffoca e ci sta stretta è un nostro dovere tirarla via e mostrarci al mondo per quello che siamo, perché è l’unico modo per essere felici.
C’è stato un passaggio del libro che mi ha colpito come un pugno nello stomaco, perché avrei davvero potuto scriverlo io:

“Anche se capiva di essere entrata a fare parte della Milano alla quale tanti ambiscono - la Milano delle riunioni interminabili, degli aperitivi di lavoro e dei clienti importanti, quella dei tacchi alti e delle email a notte inoltrata - non riusciva a sentirsi completamente soddisfatta. E questo la faceva sentire in colpa. “

Ero arrivata anche io lì. In cima al palazzo, un piano dopo l’altro. Eppure ero infelice, e Dio solo sa quanto mi sentissi in colpa per questo. Tutti i sacrifici, gli anni di studio e di gavetta, come era possibile non essere felice? Che problema avevo?

Quando la mia voce interiore mi ha detto cosa non andava, quando finalmente è riuscita a farsi spazio nel caos che avevo dentro, ecco, vorrei dirti che l’ho ascoltata subito e che è andato tutto per il meglio.
Ma non è così, perché l’ho zittita bruscamente: avrei dovuto lasciare il lavoro dei miei sogni, il contratto a tempo indeterminato, per quello? Ma assolutamente no, che cosa avrebbero pensato i miei genitori, i miei amici? Con che arroganza avrei potuto buttare via quello che in tanti cercavano disperatamente per un sogno?

Nessuna arroganza, ha continuato a insistere quella voce gentile.
Solo ascolto e amore nei confronti di te stessa.
E così, come Lara, ho fatto la mia scelta.
Ho accettato che l’imperfezione fa parte della vita, e che ciò che la rende speciale è l’amore delle persone che ci circondano e ci comprendono, e poco importa se sono poche o se è una sola. L’altra saremo sempre noi, se riusciremo sempre ad ascoltare la nostra voce: perché in fondo non è poi così sommessa. Se ascoltiamo bene sentiremo che fa parte di un coro di anime simili a noi, vicinissime, come i puntini che compongono la linea sottile di un tatuaggio.

Il libro “La tatuatrice Gentile” è scritto da Lucille Ninivaggi, pubblicato da Mondadori. Lo trovate qui.

Michela Papagno

Michela Papagno

Michela Papagno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultimi Post

Lettere d’amore

Racconti, Rubriche

Doctor Who e la rigenerazione in donna: ecco perché era DANNATAMENTE ora 

Attualità, Cinema, Femminismo

Billie Holiday: il blues e la lotta contro il razzismo

Arte, Storia

LA SINDROME DI YENTL: CHE GENERE DI MEDICINA?

Cinema, Femminismo, Salute

Cookie & Privacy

Noi e terze parti selezionate utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e, con il tuo consenso, anche per altre finalità come specificato nella Privacy Policy
Puoi acconsentire all’utilizzo di tali tecnologie utilizzando il pulsante “Accetta”. Chiudendo questa informativa, continui senza accettare.