Chimamanda Ngozi Adichie: Cara Ijeawele

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

“Insegnale la differenza. rendi la differenza naturale, rendila normale. Insegnale a non attribuire un valore particolare alla differenza. E il motivo per farlo non è essere giusti o carini, ma semplicemente umani e pratici. Perché la differenza è la realtà del nostro mondo. E insegnandole la differenza, le fornisci gli strumenti per sopravvivere in questo mondo così vario.
Deve sapere e capire che le persone percorrono sentieri diversi nel mondo e che, se non creano danni agli altri, tutti quei sentieri sono validi, degni del suo rispetto. […]
Insegnale a non universalizzare mai i suoi modelli di esperienza. Quei modelli valgono per lei, non per gli altri. È l’unica forma necessaria di umiltà: capire che la differenza è normale.”

Il binomio maternità-femminismo è molto discusso, ma Chimamanda Ngozi Adichie sa proporlo in maniera essenziale e soprattutto nuova. Con Cara Ijeawele ovvero Quindici consigli per crescere una bambina femminista, la scrittrice torna con un pamphlet in forma di lettera dedicata ad una sua amica d’infanzia, la quale chiede all’autrice come crescere femminista la figlia appena nata.

Adichie, che ha già alle spalle diverse pubblicazioni di fama mondiale, si conferma pratica: risponde in modo lucido e attento, arrivando a stilare un vero e proprio manifesto.

Il suo compito è tutto fuorché facile: da dove partire per crescere ed educare una bambina femminista? Sicuramente, suggerisce Adichie, reclamando l’importanza e l’integrità necessarie a livello individuale, e una volta acquisite, trasmettendole in modo sano. Saper mettere in guardia senza terrorizzare, saper educare senza paralizzare, saper accompagnare senza prevaricare.

“Anziché insegnare a Chizalum a compiacere gli altri, insegnale a essere onesta. E gentile. E coraggiosa. Incoraggiala a essere franca, a dire quel che pensa davvero, a dire la verità. Esortala a difendere quel che è suo. Dille che se qualcosa la mette a disagio deve alzare la voce, deve esprimersi, deve urlare.”

L’ansia di compiacere

Attraverso le parole di Adichie si delinea immediatamente una mappa chiara del suo pensiero femminista, priva di universalismi utopistici e fastidiosi intellettualismi. I quindici capitoletti, che oscillano tra massime e situazioni realmente vissute dall’autrice, compongono uno slalom che si fa strada tra gli ostacoli posti dalla cultura dominante; percorso che può essere compiuto anche a ritroso, viaggiando tra flashback del suo trascorso nigeriano, ricordi che conferiscono al libro un’accezione estremamente totalizzante e coinvolgente.

Sono analizzate infatti le catastrofiche conseguenze dell’ansia di compiacere insieme al paradosso dei ruoli di genere e della santificazione degli oppressi: “nel parlarle di oppressione, sta’ attenta a non trasformare gli oppressi in santi”; con essi sono affrontati anche i temi dell’indipendenza economica, della violenza e del demansionamento.

L’autrice scrive ad un’amica e così facendo diventa amica di tutte, con tono intimo eppure deciso; con frasi semplici eppure dense, scegliendo un ritmo delicato eppure incalzante; è un sussurro che vuole però toccare punti assai spigolosi, quasi come se l’intento fosse quello di pungere e far riflettere.

Una breve lettura di buon senso, lucidità e intelligenza; una radicale critica alla cultura sessista e alla cristallizzazione dei ruoli e delle tradizioni, un amalgama di delicatezza ed esperienza.

Annalisa Frullini

Annalisa Frullini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultimi Post

Educazione sessuale e scuola

Attualità, Sessualità

Lettere d’amore

Racconti, Rubriche

Doctor Who e la rigenerazione in donna: ecco perché era DANNATAMENTE ora 

Attualità, Cinema, Femminismo

Billie Holiday: il blues e la lotta contro il razzismo

Arte, Storia

Cookie & Privacy

Noi e terze parti selezionate utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e, con il tuo consenso, anche per altre finalità come specificato nella Privacy Policy
Puoi acconsentire all’utilizzo di tali tecnologie utilizzando il pulsante “Accetta”. Chiudendo questa informativa, continui senza accettare.