Le figlie di Salem: quando il pregiudizio e l’ignoranza uccidono

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Le figlie di Salem è un fumetto scritto da Thomas Gilbert ed edito da Diablo.

Nel libro troviamo una nota della casa editrice:

È un libro Diablo perché: mette a nudo il legame tra potere e ignoranza affrontandolo senza alibi i nostri demoni. Una storia che brucia e che, ci auguriamo, lascerà un segno in chi legge.

Diabolo, #burningstories

E una dedica:

Questo libro è dedicato alle streghe di oggi e di domani. Che il fuoco non si spenga mai.

Un fumetto che parla di donne. Ma racconta anche il peso del pregiudizio. L’ignoranza dell’uomo. I gesti scellerati ed abominevoli che avvengono quando il potere è nelle mani sbagliate.

Una tragica storia vera

Nel 1692 nella contea di Essex, Massachusetts, si è tenuto il più famoso processo di stregoneria della storia.
Il Nuovo Mondo è un territorio difficile, in cui piccole comunità di coloni predicano la parola di Dio e si scontrano con i Nativi.
Le condizioni avverse, gli scontri con la popolazione locale e l’isolamento portano i coloni a chiudersi ancora di più tra le mura dei loro villaggio, in balia di una religiosità tossica ed intransigente.
I Nativi Americani sono pericolosi, i forestieri sono pericolosi. E anche una donna può essere pericolosa: se ha i capelli rossi, se è troppo libera, se lavora, se rifiuta un matrimonio, se balla nel bosco, se fa amicizia, se è curiosa, se afferma la propria individualità.
La donna diventa il capro espiatorio: è la fonte della sventura, il motivo del caos e del Male.

In questo contesto le denunce e i processi per stregoneria aumentano in tutto il territorio.

Ma quello che è successo a Salem è ricordato per la sua inaudita violenza: una serie di processi trascinati per mesi, in cui le accusate vengono imprigionate e maltrattate. Provate nel corpo e nello spirito. A loro viene negata ogni speranza: non hanno possibilità di difendersi. Nessuna parola, nessuna prova, nessun discorso può convincere gli accusatori.

200 donne accusate. 150 processate. 19 uccise.

Interviene anche un commissario esterno per provare a placare l’ondata di processi, corruzioni e prove false. Perché perfino tra i loro simili appare eccessivo questo pullulare di accuse. Ma a poco o nulla è valsa la sua presenza.

Le figlie di Salem: storia, emozioni ed intensità

Il merito dell’autore è quello di farci entrare nella storia: riesce a contestualizzare con sapienza gli avvenimenti, rendendoci partecipi.
Tra noi e le protagoniste del fumetto non c’è distanza, c’è una grande immedesimazione e intimità.

Tutto inizia con la protagonista, Abigail, che è trascinata ad una riunione delle donne del villaggio: ha raggiunto la maturità.
La spogliano, controllano il suo corpo, le tagliano i capelli. Ora deve indossare abiti sobrie portare una cuffia, camminare a capo chino, non incrociare lo sguardo maschie, essere docile, amabile, ubbidiente. Essere moglie e madre.

Abigail inizia a capire le conseguenze dell’essere donna: la mancanza di libertà, indipendenza e libero arbitrio.

Insieme alle sue amiche continua a cercare vie di fuga e momenti di evasione dall’opprimente realtà. SI rifugiano nel bosco, fanno amicizia con i Nativi, sono curiose e vivaci.

Al villaggio notano presto queste “stranezze”, e in un escalation di tensione e violenza gli eventi precipitano fino all’ingiusto epilogo.

Per tutto il tempo della narrazione, io sono stata con loro: ho sentito il peso di essere donna, la morsa del pregiudizio, la disperazione soffocante e il senso di ingiustizia.

È sempre una questione di potere

Le donne, oggi come in passato, non muoiono perché l’uomo teme l’ignoto e la diversità.
Muoiono perché c’è un qualcuno convinto di dover ristabilire ordine e gerarchia in una piramide che vede l’uomo al vertice. Deve avere il potere e il controllo sulla donna.

Le donne morte a Salem non sono state uccise da una folla inferocita ed impazzita. Non sono morte a causa di un raptus di follia. Non è stato un episodio isolato. Sono state uccise da uomini di potere che hanno agito in modo calcolato e feroce. Perché non possono tollerare qualcosa che vada oltre il loro controllo. Non possono tollerare la libertà di una donna. Una donna che decide. Che dice sì o no quando le va. Che non fa ciò che si aspetta da lei.

Sono tutte cose che capiamo ancora oggi. Molto bene. Perché la caccia alle streghe non è mai finita, cercano solo nuove streghe e nuovi modi di controllarci.
Ma noi non glielo permetteremo.

Monica Marcoleoni

violedimarzo

violedimarzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultimi Post

Educazione sessuale e scuola

Attualità, Sessualità

Lettere d’amore

Racconti, Rubriche

Doctor Who e la rigenerazione in donna: ecco perché era DANNATAMENTE ora 

Attualità, Cinema, Femminismo

Billie Holiday: il blues e la lotta contro il razzismo

Arte, Storia

Cookie & Privacy

Noi e terze parti selezionate utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e, con il tuo consenso, anche per altre finalità come specificato nella Privacy Policy
Puoi acconsentire all’utilizzo di tali tecnologie utilizzando il pulsante “Accetta”. Chiudendo questa informativa, continui senza accettare.