Il femminismo non è (solo) un’opinione

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Le lotte femministe di oggi sono, spesso e volentieri, argomento di dibattito: è giusto modificare la lingua italiana per un linguaggio più inclusivo? Le molestie per strada devono essere davvero considerate un reato? Incentivare le donne a seguire determinate carriere con aiuti economici o agevolazioni sociali è necessario? Ed è così che, altrettanto spesso e volentieri, le lotte femministe diventano chiacchiere da bar, dove l’opinione conta più della conoscenza di fatti, dati e studi.

Per chi conosce il femminismo

Per raggiungere un obiettivo, che sia la parità di genere, l’inclusione sociale, l’assenza di discriminazione o semplicemente l’inalienabile diritto di non essere molestate da un fischio in mezzo alla strada, i mezzi e gli strumenti possono essere molteplici. Sull’obiettivo, per , non dovrebbe esserci discordanza o ammissione di dibattito: il femminismo, nella sua accezione moderna, è intersezionale, mette in luce i privilegi di cui beneficiano alcune categorie a discapito di altre e si batte per una società dove vige la parità di genere, in ogni ambito e settore, da quello giuridico a quello sociale, dove ogni cittadinə deve sentirsi liberə nella propria espressione. Ma sembra che anche questa definizione – o obiettivo – sia spesso argomento di dibattito. Per chi bazzica in ambienti femministi o è entrato in contatto con realtà e persone che li frequentano, la reale essenza del femminismo sembra essere definita o, perlomeno, chiara, a prescindere dai mezzi per concretizzarla. Per quanto, infatti, le voci su come raggiungere gli obiettivi possano entrare in contrasto, c’è una voce concorde sulla sua realizzazione futura. Spesso, per , questa idea precisa e puntuale rimbalza da una voce all’altra, da un corridoio all’altro, da un posto all’altro, fino a diventare ci che non è.

Per chi non conosce il femminismo

Recentemente, mi è capitato di ascoltare una frase a dir poco agghiacciante “Il femminismo e il maschilismo sono la stessa cosa”. Il femminismo, quella lotta così complessa e appassionata, quei secoli densi di vittorie e battaglie in ogni dove, si era trasformato in un atteggiamento sessista e discriminatorio, caratteristica ben radicata del maschilismo: aveva subito un vero e proprio ribaltamento di significato. Per la persona che parlava, non vi era alcuna differenza ma una base di odio da un lato per le donne e dall’altro per gli uomini. Al di là della confutazione di questa frase, ci che è realmente importante è vedere come il femminismo, per chi non lo vive sulla propria pelle o per chi non vuole interessarsene, possa sembrare qualcosa di mostruoso – le nazifemministe odiano gli uomini e sono brutte e cattive – o qualcosa di opinabile – secondo me l’aborto non dovrebbe essere concesso.
Eppure, ridurre il femminismo e tutte le sue sfaccettature al pari del maschilismo vuol dire non conoscere un movimento che ha attraversato decenni di storia, che ha ottenuto risultati incredibili e che, ancora oggi, fa sentire la sua voce in modo trasversale.

Quando l’opinione non si basa sull’informazione

Ascoltare frasi del genere deve essere un punto di partenza: quanto c’è di opinabile nel femminismo e quanto, invece, non dovrebbe esserlo? Una cosa appare lampante: l’informazione deve essere alla base dell’opinione. Queste frasi, spesso, sono costruite da persone che non conoscono abbastanza il femminismo – dalla sua storia alle sue protavoci, dalle sue vittorie alle sue sconfitte – e una opinione che si basa su una interpretazione distorta dei fatti, scevra di informazioni fondanti, non pu che essere incompleta e, in alcuni casi, erronea. Rifiutare qualsiasi nozione, concetto o informazione costituita dai fatti – la storia del femminismo, per esempio, o le lotte delle associazioni femministe
di oggi – non fa altro che irrigidire le opinioni infondate, che diventeranno sempre più polarizzate nei confronti del femminismo.
Una soluzione, oltre a informarsi a livello storico su un movimento che ha attraversato il globo, è ascoltare le voci di chi è più informatə e competente di noi: perchè se per alcuni argomenti ci affidiamo a espertə, sul femminismo siamo così restiə ad ascoltare chi il femminismo lo pratica? I nomi di attivistə si sprecano, le associazioni hanno sportelli informativi per rispondere a domande, i dibattiti – quelli seri, con persone professioniste del settore – vengono organizzati sempre più frequentemente. Proprio per il carattere trasversale e intersezionale del femminismo, le sue lotte si intrecciano con nozioni giuridiche, mediche, sociologiche, antropologiche, storiche. Se ci chiudiamo a riccio, rigettando l’idea del femminismo come movimento, con la sua lunga tradizione storica ed espressione di voci, idee e fatti, siamo allora ben lontanə dal capirne la matrice e il modus operandi.
Il femminismo è un prisma che abbraccia la nostra realtà, in ogni aspetto della nostra vita: la nostra opinione su di esso non pu che formarsi dopo averlo conosciuto in tutte le sue sfaccettature e conseguenze che ha nella nostra vita e in quella delle altre persone.

Elena Morrone

Elena Morrone

Elena Morrone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultimi Post

Educazione sessuale e scuola

Attualità, Sessualità

Lettere d’amore

Racconti, Rubriche

Doctor Who e la rigenerazione in donna: ecco perché era DANNATAMENTE ora 

Attualità, Cinema, Femminismo

Billie Holiday: il blues e la lotta contro il razzismo

Arte, Storia

Cookie & Privacy

Noi e terze parti selezionate utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e, con il tuo consenso, anche per altre finalità come specificato nella Privacy Policy
Puoi acconsentire all’utilizzo di tali tecnologie utilizzando il pulsante “Accetta”. Chiudendo questa informativa, continui senza accettare.